Gli spietati

Non è Joe, nè il Monco, tantomeno il biondo, seppure potrebbero, ma semplicemente Clint Eastwood in un suo film, dove interpreta un bounty killer ormai in pensione.

Dedicato a Sergio Leone e Don Siegel, Gli spietati è un western atipico, dove più che rappresentare il tramonto dei celebri buonty killer, si espletano i suoi sensi di colpa. Si parla di violenza. È un dramma umano. Nessuno è buono, simpatico o totalmente cattivo, ci dispiace quasi per tutti, mentre sono soprattutto emozioni a sibilare come ferro rovente anziché le pallottole. Eccezion fatta per il finale.

Gli spietati scardina la mitologia western. Ognuno dice la sua sul vecchio West e lo fa in maniera originale, anche grazie ai molti i punti di vista che Clint Eastwood ci fa adottare tramite i suoi personaggi, anziché seguire le gesta di uno solo di essi. Emblematica è la figura infatti dello scrittore che, tra i cowboy, quella mitologia vorrebbe narrarla, seguendo una parte ora l’altra.

Dei vecchi western, Eastwood mantiene comunque la maestosità dei paesaggi.

Da vedere.

Un pensiero su “Gli spietati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *