Mai così vicini

Michael Douglas e Diane Keaton sono due non più giovani, che hanno reagito in modo differente ai traumi della vita. Lui è scorbutico, egoista, menefreghista e un affascinante stronzo, mentre lei una fragile ed emotiva donna, ancora legata al sogno di fare la cantante.

Il nuovo film di Rob Reiner non ha tra i suoi punti di forza l’originalità della storia o un finale sorprendente, ma il regista, che nei suoi anni d’oro ci aveva regalato La storia fantastica, Harry ti presento Sally e Misery non deve morire, dimostra di non aver perso lo smalto. La sua commedia ha stile e compensa con dialoghi pungenti, personaggi ben caratterizzati, buoni tempi comici e due attori indiscutibilmente bravi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *