• St. Vincent
    2014,  Ridere

    St. Vincent

    St. Vincent, ovvero il burbero e il bimbo. Un invito a guardare dietro le apparenze, che ci viene sporto con simpatia, con il lato buffo che si mostra davanti alla figura dello scorbutico e l’umanità che si cela dietro di essa, provando anche a commuovere un pizzico. Convincente e divertente Bill Murray, nel ruolo del burbero, un ruolo forse già visto, ma che qui, grazie alla scrittura del film e al suo interprete, funziona bene.

  • migliori film sul basket
    Controindicazioni

    I 5 migliori film sul basket

    Anche a voi i film sullo sport regalano emozioni intense e vi coinvolgono in maniera viscerale? Bene, siamo in due. Cinema e sport dunque. E se il cinema oggigiorno ha la sua patria negli Stati Uniti, lo sport più amato dagli americani è probabilmente il basket. Cosa è nato dunque da questa straordinaria sinergia? Quali sono i migliori film sul basket?   #1 Glory road (2006) Una storia potente e vera, la storia del coraggio di un allenatore e di una squadra, che hanno lottato sia in campo che fuori, contro gli avversari e contro l’intolleranza razziale, in favore dello sport, l’umanità e l’uguaglianza. Da vedere. Coach Haskins: “It’s not…

  • 2011,  Cinematerapia: una pillola per,  Ispirarsi

    L’Arte di Vincere

    In un’epoca dove tutto nello sport viene misurato e calcolato, questo biopic è attualissimo, riuscendo allo stesso tempo dai numeri, quasi ossimoricamente, a parlare di romanticismo, umanità e sport. Brad Pitt, assistito da Jonah Hill, è un manager tratteggiato dalle sue azioni, seppure protagonista di dialoghi brillanti e coinvolgenti, che ricalca con classe la figura dell’outsider, un uomo dal passato segnato dal fallimento delle sue ambizioni, vicino allo spirito romantico ottocentesco della sehnsucht. Un trionfo della spettacolarità della verità, a scapito della più mainstream verosimiglianza spettacolare. “Come si fa a non essere romantici con il baseball?”. E con lo sport.

  • War Horse
    2011,  Avventurarsi,  Commuoversi

    War Horse

    Steven Spielberg senza dubbio sa come raccontare una storia e, nel farlo, quali corde toccare, nella psiche e nel cuore dello spettatore. War horse lo dimostra e lo fa con un cavallo per raccontare gli uomini. Joey galoppa, trotta, va al passo, tra la guerra e le persone, divenendo al contempo protagonista e demiurgo del mondo filmico che si dipana d’innanzi ai nostri occhi. Con questo punto di vista particolare, War Horse appassiona e commuove. La scena del filo spinato spicca tra tutte, ma non è l’unica. Si tratta, in primis, di una storia di amicizia e umanità, tanto utopistiche quanto per nulla banali nella loro messa in scena.

Animated Social Media Icons by Acurax Responsive Web Designing Company