• 1975,  Almeno una volta nella vita,  Cinefili,  Ridere,  Riflettere

    Amici miei

    Dal progetto di Pietro Germi alle mani di Mario Monicelli, quattro più uno amici, straordinari e spassosi cattivi esempi, protagonisti di burle e supercazzole, sullo sfondo di una sottesa e indelebile malinconia. Dal soggetto alla struttura, dalla sceneggiatura agli attori e le loro vite cinematografiche, Amici miei non può che essere una suadente nostalgia verso una commedia italiana che fu, di indelebile splendore e potenza. Nell’immaginario non possono che imprimersi talune scene, quali quelle alla stazione o all’ospedale, e una risata che non deve nascere dal realismo fedele, ma dalla pura e sublime invenzione verosimile. Infine la parvenza di una morale, salvo poi ribaltarla nell’ossimorica e geniale scena finale. In…

  • 2014,  Fantasticare

    Dragon Trainer 2

    È quello che nello slang giovanilistico e colloquiale, di grande efficacia espressiva, verrebbe definito come: una gran figata. How to train your dragon 2 è maestoso e spettacolare visivamente, rimembra Avatar e sa essere intrattenimento divertente e coinvolgente, fermandosi giusto qualche attimo per provare a strappare una lacrima allo spettatore, con l’intensità emotiva che può riportare alla mente Il Re Leone dei rivali Disney, in una scena memorabile. Rivali contro cui è stato perdente, forse ingiustamente, agli Oscar 2014, in favore del bel Big Hero 6. La sceneggiatura riesce a sintonizzare efficacia e semplicità, mentre la componente fiabesca propone una morale e dei modelli d’insegnamento vivi e forti, in particolare quelli ruotanti…

  • Lo Hobbit
    2014

    Lo Hobbit – La Battaglia delle Cinque Armate

    Cosa ne penserebbe Tolkien? Lo Hobbit – La battaglia delle cinque armate e questa trilogia sanno di una bevanda diluita, in cui si perde il sapore e la magia. Il romanzo di Tolkien fa sognare e immaginare, e ci riesce in 342 pagine. La mia avversione va a chi, per mera speculazione, di un piccolo capolavoro ha voluto farne 3 film. Lo Hobbit non ci avvolge nel suo mondo e procede in maniera meccanica. Bilbo non è più nemmeno il protagonista. La trilogia de Il Signore degli Anelli lo guarda dall’alto, forte, nei suoi anni, di un’attesa e un impatto maggiore, della sua essenza di grande e magnifica fiaba, dipanata in…

Plugin for Social Media by Acurax Wordpress Design Studio