• biancaneve e il cacciatore
    2012,  Fantasticare

    Biancaneve e il cacciatore

    Biancaneve e il cacciatore, di Rupert Sanders, lascia il tempo che trova, ed è il tempo della moda piuttosto che del buon cinema. Nella ormai dilagante pratica di riproporre i classici Disney in salsa rosa, barbecue e al tonno, Sanders ha per lo meno il merito, al di là della resa finale, di nutrire un’idea di rielaborazione, scelta in chiave dark, senza timore di soffermarsi anche sul macabro. Le caratterizzazioni si modernizzano e modificano, così come alcuni passaggi di trama sia disneyana che “Grimmesca”. Ottimo visivamente, Biancaneve e il cacciatore resta a lungo intrappolato nella foresta nera e l’avventura non coinvolge pienamente, l’emozione non coglie per nulla. La faccia perennemente contrita di…

  • La donna più bella del 2016
    Bollettino,  Controindicazioni

    La donna più bella del 2016 per People

    La donna più bella del 2016 secondo la rivista americana People è… Conto alla rovescia, rullo di tamburi, momento di suspense, strisciata di piano… Flashback dell’edizione precedente! La vincitrice della scorsa edizione, all’età di 50 anni, era stata Sandra Bullock! Applauso del pubblico. Ma ora torniamo all’edizione di quest’anno e andiamo a vedere le concorrenti all’ambito titolo! Christina Milian, attrice vista recentemente in La rivolta delle ex (7 anni fa) e… boh. Ma piuttosto, dove abbiamo già visto quella capigliatura? No non è stata lei a spuntarla. D’altronde contro aveva avversarie temibili, come Keke Palmer e Sofia Vergara. Anche se nemmeno loro ce l’hanno fatta. Prima però di decretare la vincitrice, andiamo a…

  • Liz Solari
    Controindicazioni

    Profili: Liz Solari

    Chi è Liz Solari? Togliete le cinture di sicurezza e apprestatevi ad intraprendere con me uno spericolato e caleidoscopico viaggio per tappe fondamentali nella biografia della bionda argentina, che sempre più spesso si sta mostrando in tv e al cinema in Italia. All’anagrafe Liz María Solari Poggio nasce il 18 giugno 1983 a Baranquilla, che, per gli scarsi in geografia, si trova in Colombia. Il luogo di nascita è tuttavia menzognero riguardo la nazionalità di Liz, che ha famiglia argentina e nacque fuori dalle proprie frontiere perchè il padre, Eduardo Solari, fu ingaggiato dall’Atletico Junior, squadra di calcio della città di Baranquilla, come tecnico. Oggi l’Atletico Junior ha cambiato nome, semplificandolo in Corporación…

  • Topolino, Paperino, Pippo: I tre moschettieri
    2004,  Fantasticare,  Ridere

    Topolino, Paperino, Pippo: I tre moschettieri

    I tre moschettieri di Dumas prendono goffe e divertentissime sembianze cartoonesche in questa storia Disney. La vicenda non ha nulla a che che vedere con quella del romanzo, ma è un pretesto per parlare di amicizia e far sorridere i più piccoli, anche se, a dire il vero, mi sono divertito pure io che ormai (purtroppo) così piccolo non sono. Il cartone animato è inoltre supportato, anzi trascinato, da grandi pezzi di musica classica, adattati alla storia e ai suoi personaggi in maniera brillante e coinvolgente. I tre moschettieri ha seguito un processo simile a Il principe e il povero, tratto dal romanzo di Mark Twain, e mi ha riportato alla mente…

  • 4 bassotti per 1 danese
    1966,  Ridere

    4 bassotti per 1 danese

    L’alano Brutus si crede un bassotto e porta un sacco di guai all’interno della famiglia formata da Dean Jones e Suzanne Pleshette. 4 bassotti per 1 danese è una commedia Disney dove i cani (per fortuna) non parlano e le vicissitudini familiari e canine vengono sviluppate con gusto e umorismo. Gradevole e spensierata, è una commedia di buoni sentimenti, con animali pasticcioni e umani ingenui, che interagisco in diverse situazioni comiche, senza perdere l’occasione di prendere in giro qualche luogo comune sul migliore amico dell’uomo e naturalmente sul suo padrone. Da vedere in famiglia.

  • I film più visti del 2015 in Italia
    Bollettino,  Controindicazioni

    I film più visti del 2015 in Italia

    Quali sono i film più visti del 2015 al cinema dagli italiani? Quali pellicole sono riuscite ad attrarre il maggior numero di persone nelle sale, posizionandosi così nella top ten del box office 2015? I dati sono reperiti da Cinetel per l’intero anno solare, dal primo gennaio 2015 al 30 dicembre. Film più visti del 2015 – box office italia #10 Jurassic World Il parco ha riaperto per l’attesissimo quarto capitolo della saga e molti italiani sono accorsi al cinema. Jurassic World ha registrato 2.104.851 presenze per un incasso di € 14.732.645. #9 Avengers: age of Ultron I supereroi Marvel non potevano che essere in classifica. Il secondo film dei vendicatori ha…

  • Cenerentola
    2015,  Innamorarsi

    Cenerentola

    “Ella, sii gentile e fatti sempre mettere i piedi in testa”: tagline del film. Gilderoy Allock abbandonate le opere teatrali e difesa contro le arti oscure, decide di dirigere un film su Cenerentola… … che sostanzialmente è uguale al cartone animato del 1950, con la differenza che ci sono attori in carne e ossa, meno divertimento e più mielosità. Mi domando se le fan più affezionate desiderino davvero un tale ingenuo caramello sopra ogni cosa. Bravissima Cate Blanchett, che merita una menzione per l’interpretazione della matrigna, così come è buono il lavoro di design e grafica, di cui il particolare più cangiante è comunque la sovraesposizione dei colori, che dà al tutto una parvenza…

  • star wars - il risveglio della forza
    2015,  Alienarsi,  Avventurarsi

    Star Wars – Il risveglio della forza

    Azzardarsi alla ricerca dell’originalità e rischiare di inimicarsi i fan di Star Wars, nonché un possibile pubblico futuro, oppure muoversi con cautela e provare ad accontentare tutti? J.J. Abrams sceglie la seconda via e Star Wars – Il risveglio della forza riprende (anche visivamente) molti dei tòpoi cari alla saga: il rapporto paterno e gli intrighi familiari, una iperbolica Morte Nera e l’azione per disattivarne gli scudi, un bar che tenta di ridare l’atmosfera della prima trilogia e uno sviluppo narrativo simile a Star Wars – Una nuova speranza. L’acquisto Disney non va a snaturare la saga, né il prodotto finale, a meno che non vi manchino le braccia amputate, mentre la…

  • Bollettino

    George Lucas e Star Wars: Il risveglio della forza

    George Lucas e Star Wars: Il risveglio della forza è un po’ come Anakin che lascia Obi-Wan. Tutto è cominciato quando la Disney ha acquistato nell’ottobre del 2012 la Lucasfilm alla modica cifra di 4 miliardi di dollari. Quasi inevitabile dunque che nel progetto della realizzazione di un settimo film di Star Wars, per George Lucas si parlasse di coinvolgimento e non di un ruolo da direttore d’orchestra. Lucas ha comunque provato a contribuire alla realizzazione del film con le sue idee e delle sue storie, ma le risposte non sono state quelle sperate. “The ones that I sold to Disney, they came up to the decision that they didn’t really want…

  • Pan - Viaggio all'isola che non c'è - film
    2015,  Avventurarsi,  Fantasticare

    Pan – Viaggio all’isola che non c’è

    Hey ho! Let’s go! Al grido inneggiante della ciurma, tuffiamoci insieme a un Peter, che ancora non sa d’esser Pan, in uno sgargiante e avventuroso divertissement, che in talune scene chiede d’esser visto in tre dimensioni. John Powell ci coinvolge e sprona con la sua musica, mentre Joe Wright si permette di lasciare le immagini al suono, con la spettacolare entrata in scena di Barbanera e i pirati che accolgono i bambini cantando a squarciagola Smells like a teen spirit dei Nirvana e osannano il capitano sulle note dei Ramones. All’alba della leggenda, Pan – Viaggio all’isola che non c’è, prova a essere diverso e, insieme al suo Indiana Uncino Jones, riesce ad…

  • Inside out
    2015,  Fantasticare,  Tornare bimbi

    Inside out

    Cosa succede nel cervello di una bambina di 11 anni in pieno processo di crescita? Dopo averci portato a chiacchierare con i giocattoli e a sbirciare gli incubi dei bambini, con Inside out la Pixar ci porta direttamente dentro la loro testa, per l’inciso in quella della bimba Riley. Pete Docter e i suoi collaboratori sono abilissimi nell’operare una semplificazione visiva e di tratti, abbinata a una grande complessità di contenuti, qui in simbiosi inoltre con una oculata ricerca e credibilità scientifica nei collegamenti che il film ci propone. Il cervello diviene dunque un meraviglioso e onirico marchingegno, tra fantasia e biologia, mentre il film un’opera di originalità, sempre più…

  • 2011,  Cinematerapia: una pillola per

    Mean Girls 2

    Non acuto come il primo, di cui è fondamentalmente fotocopia. Anche il cast made in Disney, non è all’altezza del precedente film. Slegato al suo genitore, Mean Girls 2 resta un film di intrattenimento leggero, destinato soprattutto a un pubblico giovane e femminile.

Floating Social Media Icons by Acurax Wordpress Designers