• 6 gradi di separazione
    1993,  Riflettere

    6 gradi di separazione

    6 gradi di separazione è uno di quei film non difficili da commentare, ma da giudicare sì, che in parte si condannano da soli al limbo filmico. Intellettuale e intellettualoide. Si parla e si parla, mentre si mostra poco. Manca lo sguardo, l’immagine. Ha un testo sottotraccia di valore, che però non riesce a essere tradotto funzionalmente in cinema. Indubbiamente ben recitato, 6 gradi di separazione può esprimersi molto meglio a teatro. In ogni caso il ragazzo interpretato da Will Smith riesce a ottenere un certo alone di dubbio e mistero. Il film tuttavia finisce con l’essere piuttosto impegnativo da seguire e lento, tendenzialmente noioso.

  • zootropolis
    2016,  Avventurarsi,  Fantasticare

    Zootropolis

    Sfolgorante e irresistibile, con Zootropolis i Walt Disney Animation Studios riescono superarsi e a far ancora meglio di Frozen e Big Hero 6. Zootropolis è un film pieno. Pieno di dettagli, di movimenti, di animali. Proprio qui sta una delle sue più grandi qualità, ovvero la capacità di creare un vero e proprio mondo, in cui immergersi, muoversi, da cui potrebbero generarsi altre mille e una storie. Una di queste, quella che seguiamo, è un vero e proprio poliziesco, che riesce a creare un genuino interesse e mistero, non certo comune ai film d’animazione, ma trovando spesso il tempismo per la battuta e la risata, aspetto affidato soprattutto allo scoppiettante duo Judy-Nick, senza dimenticare il…

  • I due volti di gennaio
    2014,  Tendere i nervi

    I due volti di gennaio

    I due volti di un film, un Giano Bifronte intrigante che aspira ad essere suadente, sofisticato, ma che in realtà non riesce a costruire mistero, a generare tensione sufficiente da farcela percepire a fior di pelle. Incantevole e affascinante la fotografia e bravi gli attori, Viggo Mortensen, Oscar Isaac e Kirsten Dunst, che comunque bella da amore a prima vista mai mi è sembrata. Tuttavia il film cavalca sull’impressione che possa esserci qualcosa in più, che mai arriva, e il tema del doppio non sorprende, ma si esaurisce in ciò che già sapevamo da inizio film, che finisce con il riempirsi di noia. Tratto da un romanzo di Patricia Highsmith, è la prima…

  • L'amore bugiardo
    2014,  Tendere i nervi

    L’amore bugiardo – Gone girl

    Probabilmente dopo aver visto L’amore bugiardo non vorrete più sposarvi. Nick (Ben Affleck) rincasa il giorno del suo quinto anniversario, ma la moglie è sparita. Rapita? Assassinata? Chi può essere l’artefice della scomparsa? L’evento suscita molto clamore mediatico e i riflettori sono tutti puntati su Nick. Psicologico, a tratti inquietante, stende un’ombra sui tuoi pensieri e ti invita a partecipare al mistero, a provare a prevedere il finale. La rappresentazione di un mondo dove apparire vuol dire tutto. Rosamund Pike ne è l’interprete perfetta: sottile, glaciale, sorridente, perfetta. David Fincher disegna un thriller da antologia, ambiguo e imprevedibile. Da non perdere.

Animated Social Media Icons by Acurax Responsive Web Designing Company