• la strana coppia
    1968,  Ridere

    La strana coppia

    Ah gli anni 60! La commedia di dialoghi, di dispetti e manie, le caratterizzazioni che creano cinema senza spostarsi dal salotto. La strana coppia è questo e molto altro. Risate, eccentricità, ribaltamenti di prospettive, stile. Jack Lemmon e Walter Matthau sorreggono quasi tutto il film in un duetto filmico di grandi interpretazioni e ottimo affiatamento. Eccezionale la scena con le vicine di casa, di imbarazzi, silenzi, umorismo vividissimo e ironica osservazione del comportamento umano. Le relazioni sono esageratamente vere e l’attenzione è proprio tutta per i rapporti, fragili e altalenanti  in balia delle nostre stranezze e manie. Amicizia, amore. Convivenza, divorzio.

  • True lies
    1994,  Il caricatore

    True lies

    True lies è uno dei pochi film di James Cameron ed è un’irresistibile action comedy, dal ritmo serrato, che riesce comunque a trovare il tempo e il tempismo per le risate. L’azione può dunque, e vuole, piegarsi ai fini della commedia, nella sua improbabilità, permettendosi anche un doppio finale e una struttura complessivamente tripartitica, a causa di una parte centrale tutta dedicata al rapporto moglie-marito, tra Arnold Schwarzenegger e Jamie Lee Curtis. Tutto funziona: gli effetti speciali sono avanguardistici, la regia grande e l’azione mai fine a sé stessa, oltre che pregna di scene e situazioni da mandare a memoria. Danze, inseguimenti a cavallo, striptease, duelli ad alta quota, interrogatori e sparatorie.…

  • si accettano miracoli
    2015,  Ridere

    Si accettano miracoli

    Si accettano miracoli è il secondo film di Alessandro Siani, che oltre a recitarci, prova ad entrare anche in tutte fase della realizzazione del suo film, dalla scrittura, alle musiche. Il comico partenopeo tenta nel suo film di creare una certa atmosfera, di dolcezza, di piacevolezza, e di regalare soprattutto sorrisi, anziché risate. Si nota una certa attenzione alla fotografia e ai costumi, ma anche la regia è trattata con cura. Carente è invece la sceneggiatura, che non riesce a ingranare la marcia migliore e incastrare tutti fili nel modo più efficace, subendo qualche flessione nel racconto, che talvolta sembra fermarsi, adagiarsi. L’impressione generale è dunque quella di entrare in un piccolo e…

  • Cattivissimo me
    2010,  Ridere,  Tornare bimbi

    Cattivissimo me

    Nel colorato e stravagante campo di battaglia dei film d’animazione entra anche la Universal, con un film, come Cattivissimo me, che unisce dolcezza e risate, fondendo la sua forza sui suoi personaggi, efficacemente disegnati (in ogni senso). In particolare, a travolgere è la simpatia di un cattivo imbranato, che così cattivo non è, anzi è proprio il buono della storia, e la spassosa indisciplinatezza dei Minions. Pierre Coffin e Chris Renaud firmano un brillante esordio.

  • Il giro del mondo in 80 giorni
    2004,  Avventurarsi,  Ridere

    Il giro del mondo in 80 giorni

    Dal romanzo di Jules Verne, l’avventura viene rivisitata e trasformata in un mix di azione e comicità, che riesce, con semplicità e leggerezza, a divertire e intrattenere tutta la famiglia. Parte del merito va ai tre protagonisti, Jackie Chan, con i suoi comici combattimenti, l’espressivo e ingenuo Steve Coogan e la brava e adorabile Cécile de France. Prima delle elezioni si permette un cameo anche Arnold Schwarzenegger, regalando diverse risate.

  • 2014,  Cinematerapia: una pillola per,  Ridere

    Una fantastica e incredibile giornata da dimenticare

    Ma se preferite il titolo in inglese: Alexander and the Terrible, Horrible, No Good, Very Bad Day. Riprende la legge-assioma di Murphy e ne fa film. Se qualcosa può andar male, andrà male. Sulla base di esso di estrinseca tutto il film, una serie di disavventure che coinvolgono la famiglia protagonista e al tempo stesso mirano a coinvolgere una famiglia sul divano, provando a strappare qualche risata in modo leggero e spensierato.

  • BIG HERO 6
    2014,  Fantasticare

    Big Hero 6

    Oscillando come un’altalena, le catene del film ci sospingono, tra favola spensierata e costretta adultità, verso le risate, sfiorando di passaggio la commozione. L’uomo in più di Big Hero 6 è Baymax, più di un uomo. Separa il film dal genere supereroistico e infila nella sua eccessiva, non umana, umanità e premurosa sollecitudine, le emozioni migliori, che esse appartengano alla tenerezza o all’umorismo. Le immagini della imaginifica San Fransokyo sono splendide. Il finale alza il voto e stupisce.

  • 2015,  Ridere

    Mortdecai

    Baffi, improbabili donnaioli e arte. Sì, è vero. Non è un capolavoro. Ma se la macchietta e le maschere stereotipate che gli attori indossano sono ricercate e le risate scappano, allora mi sta bene. Si gioca sull’esagerazione e l’inverosimiglianza, in un panorama pop e stralunato. Depp non è tra le sue migliori performance, Bettany è il man of the match. Ora però scusate, devo cercare un Jock da compagnia.

Floating Social Media Icons by Acurax Wordpress Designers