caccia spietata
2006,  Avventurarsi,  Il caricatore

Caccia spietata

Il western Caccia spietata si riassume in un verbo: bracconaggio. Un uomo che ne insegue un altro, a tutti i costi. (E quest’uomo è Liam Neeson, come vuole il sottogenere cinematografico “Liam Neeson che trova cose“).

Come da un certo filone di genere, non v’è divisione manichea, il bene e il male, i buoni e i cattivi. Suggestivi i paesaggi, che incorniciano degnamente la vicenda, anche grazie a una bella fotografia.

Purtroppo per il resto si trascorre il minutaggio tra la noia e la grande noia. Non c’è tensione o fascino nei protagonisti. Demerito soprattutto della scrittura, che non solo manca in questi aspetti, così come nel ritmo, ma cade in alcune sconnessioni che generano perplessità.

Il non detto o non mostrato non è evocativo, ma horror vacui. Si trotta e striscia fino al finale, tra il miraggio metafisico e la confusa incoerenza, che spara una cartuccia a salve.

Prosegui la cinematerapia:

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Animated Social Media Icons by Acurax Responsive Web Designing Company
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: