fuga da alcatraz clint eastwood don siegel recensione film
1979,  Sorprendersi,  Tendere i nervi

Fuga da Alcatraz

8 anni dopo Ispettore Callaghan: il caso Scorpio è tuo!, Clint Eastwood torna a recitare in un film di Don Siegel: Fuga da Alcatraz.

Il film, tratto da una storia vera, è un vero e proprio cult del genere carcerario, capace tenere con il fiato sospeso in ogni minuto filmico della prigionia tra le mura di un carcere da cui è impossibile fuggire.

Le regole ferree e un direttore integerrimo e spietato rendono i prigionieri umani e vicini allo spettatore, che non può che spasimare per loro e per il loro desiderio di libertà.

Il tempo e il tempismo di cui necessitano i carcerati è fondamentale per la fuga e Siegel ci gioca con abilità grazie al montaggio, generando pura tensione. I comprimari, infine, dal prigioniero artista allo stupido vendicativo, fino al ponderato bibliotecario e il commovente Charlie Puzo, arricchiscono il film e lo rendono vivo.

Da non perdere.

Prosegui la cinematerapia:

Plugin for Social Media by Acurax Wordpress Design Studio
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: