• L'erba del vicino è sempre più verde
    1960,  Ridere

    L’erba del vicino è sempre più verde

    Ah l’insoddisfazione coniugale, ah quel flebile e frizzantino desiderio di trasgredire. E poi… l’erba del vicino è sempre più verde! E così, quando un affascinante uomo, per di più milionario, visita un palazzo dove vivono due coniugi, la situazione si fa piuttosto scomoda e spinosa. Due coppie, il matrimonio e il tema del tradimento (senza mai mostrare nulla di esplicito), sorreggono questo film che gioca argutamente sulle psicologie tipiche maschili e femminili, tra gelosie, stratagemmi e seduzione. Elegante nei dialoghi e dall’intreccio intrigante, questa commedia di Stanley Donen ci porta per mano fino al colpo di scena finale, intrattenendoci con garbo.

  • l'appartamento
    1960,  Innamorarsi,  Ridere

    L’appartamento

    Un impiegato lascia il suo appartamento ai superiori, affinché essi ci portino le amanti, ma finisce con l’innamorarsi di una di esse. A partire da un soggetto originale, accattivante e provocante, soprattutto nell’anno di uscita, Billy Wilder ci racconta una storia d’amore spiritosa, dove l’appartamento è il fulcro di situazioni paradossali, equivoci, drammi, innamoramenti e brevi scappatelle. La forza del film sta nel suo sviluppo, nella sceneggiatura, in cui C.C. Baxter si ritrova sempre più subissato dagli eventi e dalle situazioni, oltre dai propri desideri contrastanti, tra l’amore, il desiderio di far carriera e la sua coscienza. Insieme ad essa, spicca la scrittura del personaggio interpretato da Jack Lemmon, un…

  • Psyco
    1960,  Almeno una volta nella vita,  Cinefili,  Sorprendersi,  Spaventarsi,  Tendere i nervi

    Psyco

    Arduo commentare Psyco senza svelarne gli sviluppi della trama. Per questo motivo, invito a NON leggere chi ancora non ha avuto il piacere di vederlo. In questo film, Hitchcock rompe ogni regola drammaturgica, riuscendo ciononostante a creare un grande film. La protagonista muore inaspettatamente a metà film. Ci immedesimiamo allora in Norman, nel cambio di protagonista, e Hitchcock riesce a farci vivere con tensione addirittura 15 minuti senza tagli di un uomo che pulisce il bagno, supportato dalla straordinaria musica. Poi però il protagonista cambia ancora e lo spettatore, nonostante ciò, immedesimato e trascinato dal trinomio azione-ostacolo-obiettivo, ne resta ugualmente intricato, fino al sorprendente finale. Peccato che il regista non indugi di più su alcuni…

  • 1960,  Cinefili,  Diventare eroi

    I Magnifici Sette

    Sono sette e sono senza dubbio magnifici, ma non sono i samurai di Akira Kurosawa, antenati ispiratori, bensì leggendari cowboys, intrappolati nella frontiera tra Messico e Stati Uniti dal senso del dovere e da una morale che ha plasmato ogni loro azione nella vita. Per una misera paga e consci che il tempo degli eroi è ormai giunto al termine, i sette continuano a lottare, elevando così le loro azioni e il loro flebile ruolo di passaggio nell’umanità a leggenda, conferendo al tutto l’aurea del mito. Vicino alle suggestioni de L’uomo che uccise Liberty Valance, I Magnifici Sette riunisce Yul Brynner, Steve McQueen, Eli Wallach, Charles Bronson e James Coburn…

Social Network Widget by Acurax Small Business Website Designers