Gioco d’amore

L’amore è un gioco, l’amore in gioco, per amore del gioco e gioco d’amore, dove il gioco è il baseball e l’amore è quello di Kevin Costner verso una giovane dama. Questo di Sam Raimi, scegliete voi il titolo che più vi aggrada, non è tuttavia un film sullo sport, ma una storia sentimentale, dove il baseball è soprattutto scenario, pretesto.

C’è l’ideale della partita perfetta e l’amore sportivo di un atleta al crepuscolo, ma i flashback vissuti dal campo sulla vicenda di cuore sono più lunghi della storia, anzi sono in realtà la storia stessa.

Ingannando i maschietti, Raimi si rivolge soprattutto alle femminucce che desiderano essere amate sopra ogni cosa. Se la vostra ragazza non vuole che andiate alla partita di calcetto del mercoledì, allora il film fa proprio per lei.