Quando la moglie è in vacanza

Potremmo dirlo un film, ma anche un irrefrenabile e spontaneo soliloquio, uno stream of consciousness del paranoico, indeciso e schizofrenico Tom Ewell, straordinario.

D’impronta teatrale, due sole sono infatti le scenografie, l’ufficio e la casa, Billy Wilder realizza una commedia briosa con semplicità, fondata sull’assunto del “vorrei ma non posso”, canzonando le pulsioni sessuali maschili e il tema del tradimento.

Bastano infine pochi attimi di girato, con una Marilyn Monroe di bianco vestita, che attende il passaggio della metro sopra una grata per rinfrescarsi. La gonna svolazza e la scena diventa cult.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *