blade runner 2049 - recensione del film - pills of movies
2017,  Alienarsi,  Almeno una volta nella vita,  Avventurarsi,  Fantasticare,  Investigare,  Riflettere,  Sorprendersi

Blade Runner 2049

Denis Villeneuve e il sequel di un film, tra le mani, che 35 anni prima ha marchiato indelebilmente il cinema. Blade Runner 2049 è un bellissimo film. Visivamente spaziale e maestoso, con scenografie e fotografia di Roger Deakins superbe, oltre a un sonoro magnifico, che evoca, cita e lascia spesso il silenzio a parlare.

La sceneggiatura riprende gli assunti del precedente film e fa un passo avanti, riprendendo i temi dell’identità, dell’umanità e delle aspirazioni personali. La storia scritta da Hampton Fancher e Michael Green è una storia di disillusione, che sembra quasi dirci “sei unico, esattamente come tutti gli altri”.

Difetti? Solo uno: non è Blade Runner, ma Blade Runner 2. Per questo non può possedere la stessa forza filosofica e avveniristica, estrapolata dal romanzo di Dick, così come lo stesso impatto devastante sul cinema, oltre che l’essenza di novità.

Nonostante ciò, con la compagna virtuale Joi, l’ambientazione e il tema della procreazione, Villeneuve prova a sbirciare comunque nel futuro. Proprio quel passo più in là rispetto alla storia del 1982.

Voi umani potevate immaginare qualcosa meglio di così per un sequel?

Animated Social Media Icons by Acurax Responsive Web Designing Company
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: