laguna blu recensione film
1980,  Avventurarsi,  Cinematerapia: una pillola per,  Innamorarsi,  Scaldarsi

Laguna blu

Diretto dal regista di Grease, Randal Kleiser, Laguna blu esce nel 1980 e diventa prima un successo commerciale e in seguito un film di culto. All’epoca chiacchierato e criticato, per le scene di nudo e per la protagonista quattordicenne (Brooke Shields), il film è stato un sogno erotico per molti.

Due bambini si ritrovano soli e sperduti in un’isola, dove imparano a conoscersi, a scoprire la loro sessualità e l’amore. Il rapporto adolescenziale tra i due è ciò che viene reso al meglio, nei comportamenti, i battibecchi, le paure e le emozioni dei due giovani Adamo ed Eva.

La location esotica (Giamaica e Fiji) contribuisce al fascino del film, mentre la trama alterna i pericoli dell’isola ai momenti di intimità, fino a un doppio finale, che trova senz’altro lo stupore dello spettatore.

Oggi Laguna blu è probabilmente invecchiato, a causa dei porno e di un’erotismo facilmente accessibile e diffuso, sia nel web che in televisione o al cinema. Nonostante ciò conserva una sua purezza, come l’acqua dove si tuffano Richard ed Emmeline, perché la crescita, lo sviluppo, il gioco d’amore, sono ancora gli stessi anche oggi.

Prosegui la cinematerapia:

Floating Social Media Icons by Acurax Wordpress Designers
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: