project almanac
2015,  Avventurarsi

Project Almanac – Benvenuti a ieri

Ovvero, l’amore ai tempi dei viaggi nel tempo.

Perché, quando hai una macchina del tempo a disposizione, la cosa più importante da fare è tornare indietro per limonare.

Con la tecnica del found footage, guardare Project Almanac è come stare in alto mare, è una visione fisica. Continui sono i pretesti, all’interno della narrazione, per rimarcare che si tratta di ripresa a mano, nonostante la poca credibilità di ciò, viste le inquadrature, e l’incredibilità che qualcuno possa filmare tutto.

I viaggi nel tempo invece sono un po’ come la pallina di un flipper, si va di qua, di là, si ritorna lì, a volte cambia qualcosa altre no e non si sa bene perché. Ma il without-sense (e non non-sense) riguarda soprattutto il muoversi dei personaggi (nonostante siano dei geniacci che capiscono tutto, [ma non si ricordano la tavola periodica]), interpretati da attori onestamente scarsetti.

Ad avere la loro macchina, vorrei essere tornato a ieri e aver scelto un altro film, aver rivisto Ritorno al futuro o Butterfly Effect o Looper o aver dato retta al lato romantico con Questione di tempo o…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Customized Social Media Icons from Acurax Digital Marketing Agency
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: