uomini di parola - pills of movies
2012,  Il caricatore

Uomini di parola

Un uomo esce di galera dopo 28 anni e ad aspettarlo c’è il suo migliore amico, di vita e di malefatte, che però ha ricevuto l’ordine di farlo fuori. Uomini di parola dimostra purtroppo che non bastano Al Pacino e Cristopher Walken per fare un buon film.

In realtà il soggetto è interessante: due gangster al tramonto che durante la senilità si ritrovano, riscoprendo i vecchi piaceri, ma anche la vecchia giustizia.

Il problema è però lo sviluppo. Innanzitutto il ritmo, che definirlo blando sarebbe un eufemismo, inficia una buona metà di esso, senza suscitare nemmeno alcuna suspense o malinconia o ancora una mitologia del gangster. La trama procede inoltre per accozzaglia di eventi, che si susseguono in maniera piuttosto casuale e per coincidenze. I due vagano semplicemente guidati da desiderio, soprattutto di Al Pacino, di riassaporare la notte, le donne, il vigore della violenza, il passato, la giovinezza.

Peccato, perché il sottotesto c’è.

Plugin for Social Media by Acurax Wordpress Design Studio
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: