3 days to kill

Parrucche, abusivi, biciclette viola, strani sieri e pallottole sotto la Tour Eiffel.

Silenziatore, sangue freddo e dito pronto sul grilletto… ma driiin! Anche i killer hanno una figlia e se chiama, la pallottola è rimandata.

3 days to kill è un film che non si prende troppo sul serio, ma che non rinuncia all’azione. Proprio per questo il non-sense, o non real, è accettabile per lo spettatore e, anzi, le parti più divertenti sono proprio quelle, dove il rapporto padre-figlia va a influire sulla parte action. Due sole sono le flessioni del ritmo, legate al focus genitoriale, che diventa il tema predominante.

Si nota l’impronta di Luc Besson.

Infine la sensuale e cinica Amber Heard schierata con le donne e il sempre affascinante Kevin Costner con gli uomini.

Prova superata.

Un pensiero su “3 days to kill

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *