3 days to kill
2014,  Il caricatore,  Ridere

3 days to kill

Parrucche, abusivi, biciclette viola, strani sieri e pallottole sotto la Tour Eiffel. Ecco a voi 3 days to kill.

Silenziatore, sangue freddo e dito pronto sul grilletto… ma driiin! Anche i killer hanno una figlia e se chiama, la pallottola è rimandata.

3 days to kill è un film che non si prende troppo sul serio, ma che non rinuncia all’azione. Proprio per questo il non-sense, o “non real”, è accettabile per lo spettatore e, anzi, le parti più divertenti sono proprio quelle, dove il rapporto padre-figlia va a influire sulla parte action. Due sole sono le flessioni del ritmo, legate al focus genitoriale, che diventa il tema predominante.

Luc Besson, autore della sceneggiatura, lascia la sua impronta e Amber Heard, dal fascino sensuale e cinico, ci ammalia.

Prova superata.

Prosegui la cinematerapia:

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Animated Social Media Icons by Acurax Wordpress Development Company
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: