aladdin film recensione
2019,  Avventurarsi,  Cantare,  Fantasticare,  Ridere,  Tornare bimbi

Aladdin

All’interno di quella che è chiaramente un’operazione commerciale, ovvero la rivisitazione in live action di tutti i classici Disney, l’Aladdin del 2019 di Guy Ritchie è davvero un bel film, senz’altro sopra le aspettative.

Con una scenografia e una fotografia spettacolari, le notti d’Oriente sono una poesia di colori e costumi, che ci immergono immediatamente ad Agrabah. Il ritmo è serrato e le canzoni non lo rallentano, anzi, le musiche, i canti e i balli ci travolgono completamente, grazie a melodia e ironia.

Inoltre, il romanticismo della storia c’è, ma a esso non si piega il film, che predilige le fughe acrobatiche, i voli sul tappeto e i balli sfrenati in stile Bollywood.

E da ultimo, ma non ultimo, c’è il Genio, a cui appartengono i momenti più genuinamente divertenti. Will Smith che ne dà il volto, apertamente criticato prima dell’uscita del film, è invece una saetta impazzita che, tra un rap e una battuta, incarna un perfetto Genio della lampada. Il suo ingresso in scena è davvero magico e immaginifico.

Le variazioni sul tema ci sono, come due nuove canzoni, un paio di personaggi e qualche contestualizzazione di trama, le quali non fanno altro che arricchire un film che, in quanto remake, meglio di così era difficile immaginarlo.

Social Network Widget by Acurax Small Business Website Designers
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: