Fight Club recensione film scena finale
1999,  Alienarsi,  Almeno una volta nella vita,  Riflettere,  Sorprendersi

Fight club

Fight club è senz’altro uno dei film più popolari di un’intera generazione, un’opera che nel 1999 chiude un millennio, come un testamento violento e sadico dei tempi che sono.

Perché il film non è solo un’opera mirabile per come gioca con la mente, sia con la psicologia dei personaggi, sia con la nostra capacità deduttiva, senza voler svelare nulla a chi non avesse ancora visto questo classico. Ma Fight club è anche e soprattutto una cinica critica alla società, al consumismo e alla dipendenza dai beni materiali, che sostituiscono i veri valori.

Al centro del film è evidente una profonda dualità, quella che incontra e scontra Jack e Tyler.

Jack è l’uomo comune, un onesto lavoratore, sottomesso al proprio posto di lavoro e influenzato dalla televisione. Tyler invece rifiuta ogni convenzione, evitando gli agi e ribellandosi alla società. Jack, logorato da una vita monotona e routinaria, senza uno scopo per cui vivere, trova conforto nei centri di aiuto per malati, anche terminali. Come se volesse consolare il suo mal de vivre, stando vicino a chi soffre più lui. C’è chi sta peggio no? Cosa mi lamento a fare? I centri verranno poi sostituiti dal Fight club, dove lo sfogo nervoso e il dolore fisico intorpidiscono quello mentale.

Ma il Fight club diventa una sottospecie di organizzazione criminale, in cui sempre più uomini si conformano, bisognosi di regole e comandi da eseguire, mostrando come l’uomo sia incapace di non dipendere da qualcosa.

Il film è in fondo una denuncia fortissima, un grido d’allarme che dice: se continuiamo così, arriveremo alla pazzia.

L’alienazione e il senso della vita sono i temi che riflettono le luci di una fotografia perennemente scura, sporca. Le interpretazioni di Brad Pitt, Edward Norton ed Helena Bonham Carter rendono il film un lucido ritratto postmoderno.

Floating Social Media Icons by Acurax Wordpress Designers
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: