reprisal-film-recensione
2018,  Il caricatore,  Meglio mai che tardi,  Tendere i nervi

Reprisal

Un direttore di banca subisce una rapina e così decide di acchiappare il ladro per conto suo, facendosi aiutare dal vicino di casa, un ex poliziotto. Reprisal è un film action terribile, in cui il vero colpo di scena è che non ci sono colpi di scena, ma tutto è proprio come sembra.

La camera tremolante e le soggettive dovrebbero introdurci in una sorta di stato di tensione, ma basterebbe guardare un episodio qualsiasi di NCIS, o di una qualsiasi altra serie poliziesca, per trovare inseguimenti e sparatorie più elaborate e coinvolgenti. La musica “ritmica” di sottofondo ci martella tutto il tempo, mentre i dialoghi ricchi di “bene, brava, anche a te, ti amo” riflettono la totale mancanza di spunti.

Girato in 15 giorni, s’è unito alle riprese anche uno svogliato Bruce Willis, che in una giornata ha girato le sue scene e ritirato la paga, la quale dev’essere succosa perché Reprisal è uno dei 4 film in cui l’attore e il regista Brian A. Miller hanno collaborato, insieme a Vice, The prince e 10 minutes gone.

Nel cast anche Olivia Culpo, Miss USA e Miss Universo, che interpreta la moglie del protagonista, anche se avrebbe l’età per uscire con uno dei Jonas Brothers. Ah scusate, Nick Jonas è proprio il suo ex.

Prosegui la cinematerapia:

Customized Social Media Icons from Acurax Digital Marketing Agency
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: