• troppo amici
    2009,  Ridere

    Troppo amici

    Olivier Nakache e Eric Toledano firmano una commedia francese il cui titolo ammicca al film cult Quasi amici, con cui tuttavia, al di là dei medesimi registi, non ha nulla in comune. Troppo amici è infatti precedente di due anni, ma è uscito in Italia solo dopo il successo di quest’ultimo e i titolisti italiani hanno cercato di sfruttarne il riverbero con un titolo correlato. La commedia, nello stile francese, nasce dall’uomo, dall’osservazione di quei piccoli (grandi) difetti, manie, tic o semplici manifestazioni del nostro carattere, da cui scaturisce l’invenzione di una storia familiare che mira a ridere con ironia proprio di questo. I personaggi sono infatti una vera e…

  • la strategia di adam
    2009,  Innamorarsi

    La strategia di Adam

    La strategia di Adam è fare lo stronzo con le ragazze per non soffrire (e rimorchiare di più). Un barlume di genialità insomma, ma il film non è male come si può credere di primo acchito. Si toccano tutti i “temi teen”: amore, sesso, paura di soffrire, popolarità, ballo scolastico. Vengono sfiorati tutti, ma trattati bene, con il tocco giusto e simpatia. Scene ben congegnate e un buon ritmo supportano il protagonista giusto, il ragazzo che vuole fare l’insensibile ma non ci riesce. Potrebbe essere qualcuno di noi, forse tu che leggi, forse io. Un profilo che include dunque i ragazzi e che non può non piacere alle giovani ragazze.

  • STAR TREK
    2009,  Alienarsi,  Avventurarsi

    Star Trek

    J.J. Abrams riprende la celeberrima e ovunque conosciuta saga, ridisegnandone le origini e rimodernandola. Ogni scena di Star Trek è niente di meno che una figata, di quelle con scene elettrizzanti, che riescono a far sentire anche lo spettatore, come il protagonista, un gran figo. Il ritmo è indiavolato, i dialoghi spumeggianti, ricchi di botta ne risposta arguti, pungenti. Oltre all’azione travolgente e ad essere visivamente una gioia per gli occhi, questo film riesce a dedicare attenzione a tutti i suoi personaggi, caratterizzandoli con maestria, e inserendo infine una costante nota di umorismo che permette di divertirsi a tutto tondo. Star Trek è un film che sarà un cult.

  • 9 film
    2009,  Avventurarsi,  Fantasticare

    9

    9 simulacri umani, bambole di pezza animate di vita propria, rovistano tra i resti dell’umanità, dove tra le tante cose da lasciare al loro posto, si può anche trovare qualche piccolo tesoro. Dall’omonimo cortometraggio d’animazione, Shane Acker sviluppa una storia e un vissuto, una spiegazione a uno scenario che riesce a non svelarsi repentinamente, ma a mantenere il suo mito. Per farlo si prende dai film, come La guerra dei mondi, da caratterizzazioni (il folle, il vecchio ambiguo) e diversi temi cari alla fantascienza. Nonostante ciò, tetro e affascinante, quanto misterioso, 9 riesce a mantenere una sua originalità e trova in questo aspetto la sua più grande forza. Non mancano inoltre…

  • bandslam
    2009,  Cantare

    Bandslam – High school band

    Bandslam ama School of rock e inizia seguendone i dettami, prendendolo come ispiratore. Si perde poi in un limbo nella parte centrale, dove i temi del teen drama, in particolare la componente sentimentale, prendono il sopravvento. In questo si sfuma un po’ lo spirito del film, seppure la situazione di triangolo creata è a tratti divertente. Mica male in effetti, una forma geometrica, con Vanessa Hudgens e Alyson Michalka. Sarà soprattutto il ragazzo a seguire in prima persona la storia, che rappresenta sogni giovanili e maschili comuni. Bandslam tocca anche temi delicati, in questo caso in modo semplice e incisivo. Stando al suo posto. Riprende infine la carreggiata rock e School…

  • G. I. Joe
    2009,  Il caricatore

    G. I. Joe – La nascita dei Cobra

    Sicuramente prima di mettersi seduti a guardare G. I. Joe bisogna chiedersi cosa si ha voglia di vedere. Nato probabilmente, soprattutto, come operazione di marketing della Hasbro, che dopo aver portato con successo i propri Transformers al cinema, mira a riqualificare e rilanciare anche i suoi agenti giocattolo G. I. Joe, per un ritorno alla plastica tramite la celluloide. Lo script del film non brilla particolarmente, la sceneggiatura è soprattutto un accumulo di esperienze passate dei protagonisti, nel tentativo di dare un vissuto e un’identità tonda a questi giocattoli, ma resta comunque fedele al suo intento principale: intrattenere. E lo fa. Lo stile è quello di un fumetto, spettacolare e impossibile,…

  • piovono polpette
    2009,  Fantasticare,  Ridere

    Piovono polpette

    Piovono polpette, ma anche hamburger, gelato e piccole grandi trovate originalissime per un film che è prima di tutto questo: originale nella sua idea, nel suo script. Il protagonista è irrestistibile, per il suo essere al tempo stesso goffo e così pieno di sogni e speranze, quanto chiunque di noi, tanto che è impossibile non fare il tifo per lui. Ma Lord e Miller gli hanno affiancato anche dei personaggi minori altrettanto ben congeniati e cartooneschi nei loro tratti. A guardarla in modo riduttivo si può dire che Piovono polpette sia una parodia del filone dei film catastrofici, ma in realtà riesce a essere un film a tutto tondo, aggiungendo…

  • la rivolta delle ex
    2009,  Innamorarsi

    La rivolta delle ex

    La rivolta delle ex, che in inglese ha come titolo The Ghosts of Girlfriends Past, riprende in maniera simpatica Canto di Natale del buon Dickens e mette i suoi fantasmi al servizio di un cinico donnaiolo. La scelta è tanto elementare, garantendo una struttura preimpostata, quanto divertente. La commedia è piacevole, supportata da buoni interpreti, su tutti naturalmente Matthew McConaughey, in grado di recitare veramente in qualsiasi ruolo con credibilità, e dotata di buoni dialoghi, riuscendo così ad essere anche pruriginosa agli occhi in alcune scene, soprattutto per chi è sensibile alle materie d’amore.

Customized Social Media Icons from Acurax Digital Marketing Agency