• I più brutti vestiti della mostra del cinema di Venezia
    Controindicazioni

    I più brutti vestiti della mostra del cinema di Venezia

    Diversi mesi fa decisi di scrivere un articolo su i peggio vestiti degli Oscar 2016, naturalmente un articolo frivolo che nasconde una complessa ed epistemologica critica sociale alla fiera delle vanità rinominata odiernamente red carpet. Beh insomma, mi sono divertito e così ho deciso di scrivere anche un articolo su i più brutti vestiti della Mostra del Cinema di Venezia numero 73. Per lo stilista: L’abito di Emilia Jones alterna le rigide forme della gonna alle volute arzigogolanti dei ricami, che rimandano allo sfrigolare del pensiero moderno e allo stesso tempo ai magnifici quadri astratti di Vasilij Kandinskij. Per l’uomo comune: La ragazzetta si è messa addosso un vestito con lo stesso…

  • 2009,  Avventurarsi,  Cinematerapia: una pillola per

    Benvenuti a Zombieland

    Tra il cartoon e il videogame, con la sua voice over e le regole elencate (anche visivamente), speziato da un amore teen, mai pedante, e uno straordinario e credibilissimo Woody Harrelson. Ah e ci sono anche gli zombie, quasi un contorno nel piatto principale, per parte del film. Sì, perché si prendono in giro i film catastrofici, talune situazioni tipiche e l’eroismo. Woody si ritrova sommerso dagli zombie, nella classica situazione in cui il coprotagonista buono si sacrifica magnanimamente. E invece li fa fuori tutti. Un duro e spietato, ma con il cuore tenero e una passione per le merendine.

  • Magic in the Moonlight
    2014,  Sorprendersi

    Magic in the moonlight

    Magic in the moonlight è un film dalle due anime. Nella tematica, ragione contro fede, magia contro illusionismo, ma anche nel risultato, buono ma forse un pizzico deludente. Forse perché da Woody Allen ci si aspetta sempre tanto. Sceneggiature e dialoghi sono la sua firma e riconosciamo le riflessioni che caratterizzano ogni opera del regista. Il senso della vita tra tutte. L’uso del sarcasmo è straordinario. Il dialogo tra Stanley (Colin Firth) e la zia è la scena migliore del film. La musica classica e il jazz, riempiono di vera magia ogni situazione. A deludere, purtroppo, è proprio il finale, prevedibile e giocato su un meccanismo narrativo simile a quello de…

  • Le 20 giovani e sexy promesse del cinema
    Controindicazioni

    Le 20 giovani e sexy promesse del cinema|Parte 2

    No gentili lettori, le 20 giovani e sexy promesse del cinema non è una classifica che prende in considerazione la qualità della recitazione e la capacità di applicazione del metodo Stanislavskij. Ma, se siete giunti qui, probabilmente l’avete già capito. Questa infatti è la seconda parte, che segue direttamente la prima, come vuole la numerazione internazionale, di un articolo improntato fortemente sull’ormone imbizzarrito, senza pudore alcuno o vergogna nel descrivere le bellezze femminili più in voga del momento al cinema e capire quando, dove, come e perché esse ci mostrano tale bellezza. Capirete dunque che questo articolo entrerà di diritto tra i vostri preferiti e, dopo la stampa, prenderà la…

Animated Social Media Icons by Acurax Wordpress Development Company