• il ponte delle spie
    2015,  Avventurarsi

    Il ponte delle spie

    Il ponte delle spie ha le sue fondamenta nel fascino dell’uomo comune ai piedi di eventi e situazioni enormemente più grandi di lui. A portarci da un lato all’altro è una scrittura che ribalta il senso degli eventi tramite i punti vista e fa progredire la storia. La regia di Spielberg, il suo modo e la sua voglia di raccontare storie, ci mostrano tragitto, facendoci accompagnare da personaggi incisivi e ben interpretati, di cui si può vedere lo spessore, ma anche vedersi e vedere altri. Difetti? La mancanza di un colpo di scena o un finale roboante? Si tratta di una storia vera, chiusa con eleganza e un piccolo spunto di riflessione.

  • Lizzie Borden
    2014,  Spaventarsi

    Il caso di Lizzie Borden

    Tratto da una storia vera, piuttosto conosciuta negli Stati Uniti e con parecchi lati controversi, il caso di Lizzie Borden cinematografico non riesce a rappresentarli con efficacia. È un film dall’identità dubbia, dove una colpevolezza viene già data per certa fin dall’inizio e va a mancare il mistero e l’inquietudine, a tratti suscitata solo dal volto di Christina Ricci. Il caso di Lizzie Borden si perde per molto tempo tra le mura di un tribunale e non nelle pareti della psiche dei personaggi o comunque nelle relazioni tra essi. Ho apprezzato invece particolarmente, per gusto personale, la musica, completamente asincrona, ma travolgente ed evocatrice, con la scelta di pezzi progressive rock,…

  • Ti va di ballare?
    2006,  Ballare

    Ti va di ballare?

    Ti va di ballare? è la classica storia gigiona saldata su schemi assodati, secondo il motto “ballo per non pensare alle cose brutte”, anche se il suo vero problema non è questo, ma che si tratta in realtà di una storia vera e interessante. Il potenziale della storia è invece stato espresso così: per punire un gruppo di ragazzi problematici, viene affibbiato loro come insegnante di danza un romantico e melenso Antonio Banderas. Le storyline secondarie sono accennate e presto abbandonate, così come i personaggi appena abbozzati. Si balla, certo, ma mai in modo coinvolgente o spettacolare. Forse l’unica cosa a non abbandonare la mia memoria sarà quella sgnacchera della tizia di…

  • 2012,  Cinematerapia: una pillola per

    Una ragazza a Las Vegas

    È una sorta di via vai, di fai e disfa, di azioni e reazioni contrarie, continuo e rapido, tanto che lo spettatore non può aggrapparsi al film, che va e procede anche senza di lui. Che il difetto maggiore sia una storia (vera) poco interessante o una sceneggiatura poco accattivante, allo spettatore la sentenza. Rebecca Hall è svampita e irritante. 6 film di Bruce Willis nel 2012. Può piacere agli amanti delle scommesse.

  • 2014

    Il Tempo di Vincere

    Bob Ladouceur e i De La Salle High School Spartans sono i protagonisti di una serie di vittorie di 151 partite, ma soprattutto di valori di sport, squadra e fratellanza. In poche parole un’occasione sprecata. Sì, perché Il tempo di vincere (pessima traduzione) ci dà football solo dopo circa un’ora di film ed è vittima di una sceneggiatura poco coinvolgente, mai pregna di pathos o suspense. Seppure per gran parte del tempo il film guarda fuori dal campo di football, le storie secondarie e le dinamiche personali dei giocatori sono indagate superficialmente e alcune abbandonate, finendo con il perdersi spesso in una eccessiva retorica, vicina al rischioso degenero della lagna. Riempiendosi le mani…

  • Saving Mr. Banks
    2013,  Fantasticare

    Saving Mr. Banks

    Un film della Disney su Walt Disney? No, Saving Mr. Banks è una storia vera, un pizzico romanzata, che si siede al piano e racconta, con stile e piacevolezza, le dinamiche familiari che hanno portato alla nascita di Mary Poppins e il suo balzo dalla carta alla pellicola, nonostante quel fastidioso fotogramma con i pinguini animati. Un cast di ottimi attori e una Emma Thompson (come spesso accade) straordinaria, che riesce a dare pienezza a un personaggio mostrandone la facciata, quella costruita di dubbi, traumi e diffidenza indossata dalla stessa Pamela Travers.

  • The Butler
    2013,  Riflettere

    The butler – Un maggiordomo alla Casa Bianca

    Una narrazione che non ha bisogno di orpelli o manierismi, avendo già in sé la semplice potenza di una storia vera. Un viaggio nella storia americana, con il focus sulla lotta per i diritti civili e la discriminazione razziale, che si amalgama ad un complicato rapporto tra padre e figlio. La storia di un uomo che cerca di non essere visto e che invece diviene una figura centrale dell’affresco. Talvolta didattico, ma mai noioso. Grandi attori. Forest Whitaker straordinario.

  • Empire State
    2013,  Il caricatore

    Empire State

    Insensato. Empire state è un film insensato. Liam Hemsworth, fratello di Thor e controfigura di Gareth Bale nel tempo libero, è un immigrato greco (anche se di greco non ha manco l’alluce) e vuole diventare un poliziotto. Alla fine invece, decide di rubare dei soldi da una compagnia, che custodisce 25 milioni di dollari con una telecamera, un custode e un cane sordo. Ma a rubarli è il migliore amico, rubato a sua volta al film Scemo e Più Scemo, di cui poteva essere eccezionale interprete. Nella locandina c’è anche Emma Roberts, nel film quasi mai. La storia è vera, il film nemmeno vagamente verosimile. Decisamente brutto.

  • 2014,  Commuoversi,  Ispirarsi,  Riflettere

    La teoria del tutto

    È piaciuto anche a Stephen Hawking. E se non ci credete date un occhio alla sua pagina Facebook. Che dire allora? Incredibile e ossimorico come, per interpretare un uomo senza capacità muscolari, ci voglia un tale controllo espressivo e fisico. Eddie Redmayne è bravissimo. Il film segue soprattutto il lato sentimentale, anziché intellettuale o accademico, del protagonista. La storia è vera, genuina, e quindi non può che essere toccante.

Animated Social Media Icons by Acurax Responsive Web Designing Company