birds of prey margot robbie recensione film
2020,  Avventurarsi,  Diventare eroi

Birds of prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn

Harley Quinn è stata lasciata da Joker e ora ha un film tutto suo in cui tutti la vogliono stecchita: Birds of prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn.

Un film che è un carnevale di tibie spezzate al ritmo di una (qualsiasi) playlist di Spotify, dove le donne sono cazzute e le suonano a tutti.

In questo tripudio di colori sgargianti e atti violenti (con i quali Birds of prey si stacca dagli altri cinecomics) emerge senz’altro Margot Robbie e la SUA Harley Quinn.

Piace anche lo sforzo in fase di sceneggiatura, che rende la prima parte una vera e propria giostra, perché il racconto è governato proprio da quella pazzerella della protagonista. Poi, ispirati forse da Harley stessa, si sceglie la bipolarità con una seconda parte dove tutto è banalmente convenzionale.

Piacciono anche i cattivi e l’attenzione che si da a un panino lercio e saporito.

Le scene d’azione sembrano invece dei videoclip musicali, ma pure ben girati, che a Britney Spears forse viene la voglia di tornare a cantare.

Birds of prey è quindi un film come la sua protagonista: schizofrenico. Tutt’altro che fantasmagorico, anzi brutto e spatocchiato, ma anche divertente e stralunato, gustoso come quelle patatine dal sapore chimico che senza accorgertene continui a mettere in bocca.

Social Media Icons Powered by Acurax Web Design Company
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: